ss

Conall

Le giornate del FAI di Primavera, a Matera il 25 e 26 Marzo 2017

FaiPrimavera2017

Le giornate del FAI di Primavera, a Matera il 25 e 26 Marzo 2017

Itinerario di visita dalla Civita ai Sassi con gli Apprendisti Ciceroni, guide d’eccezione. Il racconto filmato di Casa Noha nel labirinto ‘invisibile’dei Sassi. La Fondazione Matera-Basilicata 2019 propone l’apertura straordinaria di case private e e cinque performance di artisti locali sui temi contenuti nel Dossier che ha portato Matera alla designazione di Capitale Europea della Cultura 2019: Futuro Remoto, Utopie e Distopie, Radici e Percorsi, Continuità e Rotture, Riflessioni e Connessioni. Un racconto inedito e coinvolgente della città. 


IL SUONO DELLA CLAVA – Piccole storie sussurrate dai Sassi, a cura di Luca Acito Sabato 25 e Domenica 26 marzo: Il suono della clava è un percorso urbano di scoperta di piccole storie e memorie popolari legate “fisicamente” ai luoghi a cui appartengono. Attraverso dei Qr-code installati fisicamente lungo le strade e l’uso del proprio smartphone è possibile ascoltare dai protagonisti diretti storie, aneddoti, esperienze reali che si nascondono dietro una porticina anonima o una scritta cancellata dal tempo. 


IL CANTO DEL PANE – Frammenti di una favola 
di Arterìa Associazione d’Arte e Cultura, Matera Piazzetta San Pietro Barisano Sabato 25 e Domenica 26 ore11 – 13.30 / 16 – 17.30: La performance, ispirata alla Favola del pane di Dario Carmentano, è un’azione artistica che promuove la memoria di una città, Matera, emblema di un intero territorio. Gli attori ci guidano, attraverso il racconto, tra le suggestioni dell’antica tradizione legata all’arte di fare il pane, che custodisce il segreto della sua bontà. Lo spettatore intraprende un viaggio nelle atmosfere della civiltà contadina, immergendosi in un mondo rurale con le sue storie dense, fatte di vita e di amore. Frammenti di una favola, che ci accompagnano nella scoperta dei valori culturali della città di Matera, Capitale Europea della Cultura 2019. Testo: Dario Carmentano con Nando Irene, Anna Rosa Matera, Giovanna Staffieri, Musiche: Loredana Paolicelli, Audio: Angelo Cannarile, Regia: Angela De Gaetano 


IL BIBLIOMOTOCARRO RACCONTA E SI RACCONTA – La leggenda di Sant’Eustachio a cura del maestro Antonio Lacava,Sagrato della Cattedrale di Matera Sabato 25 e Domenica 26 ore 9.30 – 13 / 15 – 18: Attraverso testi e racconti si andrà alla scoperta della storia del patrono della città di Matera. Il Maestro Lacava, insegnante in pensione, porta i libri anche nei paesi più piccoli della Basilicata, facendo cultura e divulgazione per i piccoli futuri abitanti culturali. 


ACQUA IN BOCCA – Storie sotterranee sul sistema delle acque e sull’opera di ingegneria idraulica a Matera.  Azione divulgativa a cura di Liberascienza, Piazzetta degli artisti Sabato 25 e Domenica 26: Liberascienza propone un’azione divulgativa multidisciplinare (narrazione e arti visive) che renderà fruibile la scienza racchiusa nel sistema delle acque materane, proponendo un’esperienza (non un esperimento!) di conoscenza dei luoghi attraverso la chiave scientifica. 


IL SUONO NON ESISTE – Viaggio al Centro del Silenzio 
Un progetto di MaterElettrica / Scuola di Musica Elettronica e Applicata del Conservatorio “E. R. Duni” di Matera in collaborazione con le classi di Musica d’Insieme per Strumenti a Fiato (M.o Maurizio Colasanti) e di Trombone (M.o Saverio Vizziello) presso Casa Cava Domenica 26 ore 21: Uno studio ai confini del suono, che nasce dall’esperienza diretta dell’ascolto del paesaggio e degli spazi architettonici di Matera. Il silenzio come metafora di un confine plastico tra natura e artificio. Il silenzio come impronta sonora originaria, che ha caratterizzato e caratterizza la storia e la vita di Matera, della natura che la circonda e dei suoi Sassi. 


Ideazione e supervisione: M.o Fabrizio Festa 
Produzione: MaterElettrica / Scuola di Musica Elettronica e Applicata Progettazione: Claudia Buonsanti, Antonio Colangelo, Tommaso Colafiglio, Fabrizio Festa, Francesco Giuseppe Surdo, Costantino Temerario

WRITTEN BY:

LEAVE A COMMENT